“Il piccolo negozio di fiori in riva al mare” di Ali McNamara | Pagine rubate alla notte

Pagine rubate alla notte: recensione libro consigliato del mese

La storia

Nella cittadina portuale di Saint Felix, in Cornovaglia Poppy Carmichael si ritrova all’improvviso di fronte al suo passato. Ha ereditato il negozio di fiori della nonna e questo l’ha costretta a ritornare a Saint Felix, un luogo che per lei è carico di ricordi di momenti che preferirebbe dimenticare e superare.
Nonostante questo Poppy decide di impegnarsi in un’attività che per la sua famiglia significa molto, ma con cui lei non sente di avere nulla in comune, fra le mille difficoltà di una cittadina che per la maggior parte dell’anno è senza vita.
A complicare ulteriormente le cose ci si mette anche Jake, un uomo riservato, ma cordiale e affascinante, grossista di fiori della zona.
La tentazione di mollare tutto è grande, ma il piccolo paese ha in serbo per lei un po’ di sorprese. Che sia venuta finalmente l’ora di dimenticare il passato e lasciarsi cullare dai sogni?

Perché mi è piaciuto

Un romanzo di facile lettura, perfetto per sognare la Cornovaglia e il profumo di un’estate che sboccia, portando con sè i profumi del nord.

Ho amato in particolare la sensazione di “essere a casa” che trasmette la storia, la sua semplicità e la capacità di coinvolgere ed emozionare.

La forza di volontà della protagonista vince sulle sue paure e questo trovo sia un insegnamento sempre bellissimo da trarre da una storia.

Inaspettata la trama nella trama legata al castello di Trecarlan, che alla fine chiude il cerchio in maniera molto dinamica.

Ogni capitolo è intitolato con il nome di un fiore e il suo significato, iniziando dal narciso: nuovi inizi. 

Verso la fine alcuni passaggi mi hanno commossa facendomi rivivere dei momenti molto significativi per me.

 

Una citazione

Mia madre aveva fatto una leggera smorfia, ma poi aveva annuito. «Certo, Poppy, siamo d’accordo. Spero solo che Saint Felix riesca a incantarti come faceva quando eri piccola». Poi si era lasciata andare a un gesto che non faceva da un sacco di tempo: mi aveva tirato a sé e mi aveva abbracciato. «Magari riuscirà a riportarmi la mia vecchia Poppy. Mi manca».

Avevo ricambiato l’abbraccio di mia madre, pur sapendo che, a meno che Saint Felix non avesse il potere di riportare indietro il tempo, non sarei mai tornata a essere quella Poppy.

Trovi il libro qui.

Se vuoi sapere quali altri libri ho amato in passato puoi seguirmi su Goodreads.
Alla prossima lettura condivisa!

 

Angela

 

La libreria del Daffodil Cottage – Consigli di lettura speciali per anime romantiche

Annunci